Primavera, tempo di allergie

23/04/2012

 

Primavera, una stagione bellissima, ma non per chi soffre di febbre da fieno, occhi arrossati, irritazioni cutanee, naso gocciolante e asma. Per fortuna ci sono alcuni semplici strategie da usare al posto degli antistaminici o dei cortisonici (che tendono a peggiorare i problemi sottostanti all’origine delle allergie).

Potenziare il sistema immunitario

In tema di allergie, potenziare il sistema immunitario è basilare. L’eliminazione di sostanze che danneggiano il sistema immunitario come lo zucchero ed i cibi raffinati è molto importante. Meglio integrare con alimenti come carote, spinaci, patate dolci, aglio e broccoli. Contrastare lo stress con la preghiera, la meditazione, i massaggi, l’agopuntura e le passeggiate nella natura.

Diete ad eliminazione

Le intolleranze alimentari possono innescare problemi respiratori e sinusite come le allergie ambientali. Le diete ad eliminazione sono semplici. Eliminate i principali imputati come i latticini, le farine, le uova e la soia. Ed alla fine di due settimane sarete in grado ci capire se le intolleranze alimentari sono colpevoli di incrementare i problemi respiratori perché questi saranno migliorati se non addirittura risolti. Aggiungete un gruppo di alimenti alla dieta ogni tre giorni ed osservate le variazioni di salute fino a quando non identificherete l’alimento che vi danneggia.

Ottimizzare la flora intestinale

Molti dei nostri problemi al sistema immunitario sono causati da sottostanti malfunzionamenti della parete intestinale. Questi problemi possono iniziare dallo stomaco, con una non adeguata produzione di enzimi ed acidi. Cibi non digeriti appropriatamente quando passano nell’intestino generano putrefazione e fermentazione, situazioni non proprio simpatiche. Inoltre la flora batterica intestinale non si sviluppa correttamente creando i presupposti per la formazione di disbiosi, crescita di batteri dannosi, funghi e parassiti. Queste condizioni pongono le basi per lo sviluppo di allergie e sensibilità multiple. La correzione di questi problemi inizia con la supplementazione di enzimi ed acidi per lo stomaco e di probiotici per l’intestino. Correzioni alla dieta saranno necessarie se vi è sviluppo di lieviti e funghi.

Una vita sana  richiede un fegato sano

Il fegato è responsabile della metabolizzazione dell’istamina che viene rilasciata dalle cellule del corpo. Quando il fegato è stressato o congestionato per la rimozione dell’istamina ed altre sostanze tossiche i sintomi allergici peggiorano. Un fegato mal funzionante può non essere evidenziato dalle analisi sanguigne fino a quando non raggiunge l’80% della compromissione. Eliminare o ridurre farmaci non necessari, alcool, caffeina ed agenti stressanti ambientali va preso in considerazione.

Surrenali sane

Le ghiandole surrenali funzionano come un sistema frenante per il sistema immunitario tramite la secrezione del cortisolo per evitare che la riposta immunitaria vada “fuori giri”. Sintomi comuni della disfunzione surrenalica sono carenza di energia, fatica, disturbi del sonno, dolori muscolari ed articolari, mal di testa, scarsa energia sessuale, stress cronico e poca memoria. La funzione surrenalica può essere facilmente valutata tramite un test salivare. In caso di disfunzione, caffeina e zucchero vanno eliminati dalla dieta. Cibi e cibi integrali ricchi in complessi vitaminici B e vitamina C sono il nutrimento giusto per le surrenali. Alcune erbe come la liquirizia, la rehmannia, la rodiola ed il ginseng coreano possono essere altrettanto utili.

Buon esercizio e buon sonno

Numerosi studi e testimonianze rivelano che l’esercizio regolare può migliorare ed aiutare a risolvere le allergie stagionali. L’esercizio aiuta a dissolvere lo stress accumulato che inficia le surrenali, il fegato, l’intestino ed il sistema immunitario. L’esercizio regolare può migliorare le funzioni di questi sistemi. Analogamente, un riposo adeguato è necessario per aiutare questi sistemi a rigenerarsi ed a ricaricarsi.

Ricorrere ai rimedi naturali

La medicina naturale offre diversi rimedi che aiutano in situazioni di allergia. Una pianta utile è il Ribes Nigrum, dalla quale viene ricavato il macerato glicerico, che assunto in dosi di 50-150 gocce al giorno esplica un effetto simile al cortisone (cortison like) ma senza gli effetti collaterali del cortisone, in primis l'immunodepressione. Anche il magnesio è utile in questi casi, come del resto anche in moltissime altre patologie. L'omeopatia ci viene incontro con prodotti a base di allergeni diluiti e dinamizzati molto efficaci nel contrastare le sindromi allergiche. La fitoterapia può contare su alcune piante per il trattamento delle allergie, tra le quali Artiglio del diavolo, Liquirizia, Elicriso, Viola tricolor o del pensiero, Passiflora incarnata, Boldo e Vincetossico. Il vostro terapeuta saprà consigliarvi in merito.

MP

immagini dal web

 

Copyright livelloalfa.com

2012