OGM: difetti alla nascita e danni allo sviluppo

11/10/2011

 

Le preoccupazioni riguardanti un erbicida della Monsanto, il Roundup, sono ad un livello massimo. Ma secondo un nuovo rapporto di Earth Open Source, una delle più grandi preoccupazioni potrebbe riguardare qualcosa di cui si è totalmente all’oscuro e cioè i difetti alla nascita.

Una ricerca pubblicata l’anno scorso dimostra che il glifosato, l’ingrediente attivo del Roundup, causa difetti alla nascita nelle rane e nei polli anche a livelli più bassi di quelli usati in agricoltura e nei giardini.

 

 

 

Le malformazioni colpiscono principalmente:

  • Scheletro
  • Viso
  • Encefalo
  • Midollo spinale

Altre ricerche scientifiche indipendenti anche evidenziato che il glifosato:

Disturbi Endocrini

Danno al DNA

Tossicità nello sviluppo

Neurotossicità

Tossicità riproduttiva

Cancro

 

Molti di questi effetti appaiono a dosaggi molto inferiori a quelli residuali trovati nei cibi… A dispetto dell’evidenza, che suggerisce fortemente di applicare il principio precauzionale, i legislatori stanno ignorando il problema.  Secondo il rapporto di Earth Open Source:

"La commissione EU respinse queste scoperte, basandosi su una confutazione fornita dall’Ufficio Federale Tedesco per la Protezione dei Consumatori e per la Sicurezza del Cibo (BVL). Il BVL citò studi industriali mai pubblicati per affermare che il glifosato è sicuro" .

Intensi ed incontrollati esperimenti sono in atto correntemente

Lo studio menzionato fu iniziato dopo il riscontro avvenuto in Argentina di un alto tasso di difetti alla nascita in aree dedite alla coltura di soia geneticamente modificata “Roundup Ready”. Questa soia è stata geneticamente modificata per resistere ad altrimenti letali quantità di Roundup. Ciò significa che questa pianta può assorbire il pesticida senza morire, rendendola di fatto un veicolo di alti livelli di glifosato. Naturalmente, mangiando questa soia si ingerisce anche il glifosato, il che rende queste scoperte estremamente disturbanti...

Secondo l’autore principale:

"Dal punto di vista eco tossicologico, quello che sta accadendo in Argentina è un imponente esperimento. Rappresenta un monito per quello che potrebbe accadere in ogni paese che adotta colture GM resistenti al glifosato su larga scala."

Sfortunatamente per i consumatori americani, gli Stati Uniti sono i maggiori coltivatori di prodotti geneticamente modificati. Per esempio, negli Stati Uniti, più del  90 percento della coltivazione di canola è GM Roundup Ready , come circa il 90 percento della soia e circa il 70 percento del mais e del cotone. E secondo il rapporto, industria e legislatori sanno che il glifosato causa deformità dal 1980, ma hanno nascosto queste informazioni al pubblico…

La quantità di glifosato residuo alla quale si può essere esposti attraverso i cibi è marcatamente alta, vicina al limite massimo ammesso. Questo limite in Europa è di 20 mg/kg. I fagioli di soia GM risultano contenere livelli residui di 17 mg/kg, ma le malformazioni nelle rane e nei polli si verificano con liovelli di appena 2.03 mg/kg! Valori 10 volte inferiori al limite massimo ammesso.

Secondo Jeffrey Smith, esperto in colture GM, c’è così tanto glifosato nei fagioli di soia GM che quando furono introdotti in Europa i legislatori hanno dovuto alzare i livelli permessi di 200 volte!

Il rapporto non menziona il fatto che una dose iniettata, che è il metodo usato nello studio sugli animali, non è uguale ad ingerire la stessa dose. Comunque, suggerisce fortemente la necessità di investigare circa le quantità che esseri umani ed animali possono ingerire in tutta sicurezza. Al momento nessuna ricerca è in atto ed i legislatori hanno scelto invece di basarsi su studi industriali che mostrano la sicurezza del glifosato…

Il Roundup è letale per gli Anfibi

In un altro studio circa gli effetti del Roundup sugli anfibi acquatici e terrestri , i ricercatori hanno scoperto che questo erbicida può essere letale e può causare l’estinzione degli anfibi. Secondo gli autori, studi precedenti hanno dimostrato che il Roundup può essere "altamente letale" per i girini del Nord America.

Scrive l’autore:

"Ho costituito comunità di tre specie di girini Nord Americani allevamenti all’aperto con differenti tipi di terreno (che può assorbire il pesticida) ed applicato il Roundup tramite spruzzatura diretta. Dopo tre settimane, il Roundup aveva ucciso il 96–100 percento delle larve (nonostante la presenza del terreno).

Poi ho esposto tre specie di giovani (post-metamorfosi) anuri alla spruzzatura diretta di Roundup in contenitori da laboratorio. Dopo un giorno, il Roundup aveva ucciso il 68–86 percento degli anfibi. Questi risultati suggeriscono che il Roundup, un composto pensato per l’eliminazione delle piante, può causare mortalità estremamente alta negli anfibi che può portare al declino della specie."

Infertilità—un altro potenziale rischio per la salute dei cibi GM

Ci sono molte evidenze che suggeriscono che i cibi GM possono costituire una minaccia per le generazioni future anche in altri modi. A parte i difetti alla nascita, un altro tema ricorrente nella ricerca indipendente riguarda i danni alla fertilità.

Per esempio:

  • Uno studio Brasiliano del 2009 riporta che i topi femmina alimentati per 15 mesi con soia GM mostravano significanti cambiamenti nell’utero e nel ciclo riproduttivo se comparati a ratti alimentati con soia biologica o quelli cresciuti senza soia. Il glifosato nei fagioli di soia è ritenuto la causa del problema perché disturba il delicato equilibrio ormonale che governa l’intero ciclo riproduttivo.
  • In uno studio Francese sempre del 2009 , gli scienziati scoprirono che il glifosato può uccidere le cellule dello strato più esterno della placenta umana (la membrana trofoblastica), il che equivale ad uccidere la placenta. È sufficiente solo 1/500° della quantità utilizzata per distruggere le erbacce per uccidere le cellule. La quantità è così piccola, secondo gli autori, che “il livello residuo atteso, specialmente in cibi e mangimi derivati da colture trattate con Roundup, potrebbe essere sufficiente a causare danno cellulare e morte cellulare.”
  • In uno studio epidemiologico Canadese, che ha riguardato circa 4000 gravidanze in 1898 coppie, le donne esposte a glifosato durante i tre mesi prima del concepimento avevano un significativo maggior rischio di aborto, specialmente quelle sopra i 34 anni di età.
  • Uno studio condotto sui conigli maschi dimostrò che il glifosato può causare una riduzione dell’attività sessuale e della concentrazione dello sperma oltre ad un aumento di spermatozoi morti o anormali.
  • Nel 2005, Irina Ermakova e la Russian National Academy of Sciences riportò che più della metà dei nascituri di topi nutriti con soia GM moriva entro tre settimane. Questo dato eccede di 5 volte il tasso del 10% del gruppo non alimentato con soia GM. I piccoli del gruppo GM erano anche più piccoli ed incapaci di riprodursi. La dr.ssa Ermakova notò anche che i testicoli degli animali nutriti con soia GM variavano il loro colore da rosa a blu scuro.
  • Scienziati Italiani trovarono simili cambiamenti nei testicoli dei topi, insieme alla presenza di giovani cellule spermatiche danneggiate. Inoltre il DNA degli embrioni di topo derivanti da genitori alimentati con soia GM aveva un funzionamento differente.

Dite NO agli OGM!

Questi prodotti GM si possono ritrovare in praticamente tutti i cibi lavorati e processati, sotto forma di sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio, olio di mais, olio di canola, olio di soia, lecitina di soia e così via. Questo significa che se si consumano cibi processati si può essere virtualmente sicuri di mangiare ingredienti GM. I bambini sono chiaramente i soggetti più a rischio in quanto non si conoscono i danni che questi cibi sperimentali possono causare nel corso dell’intera vita umana, bisognerà attendere due o più generazioni.

Cosa si può fare?

In casa propria è possibile:

1.    evitare l’uso di diserbanti contenenti glifosato nei propri prati e giardini

2.    acquistare cibi biologici per evitare sia le coltivazioni GM che le sostanze chimiche come il glifosato.

Se proprio volete comprare del cibo processato, accertatevi di evitare quelli che possono contenere ingredienti GM o derivati da questi come:

Soia Zucchero da barbabietole
Mais Papaya Hawaiana
Semi di cotone (usati negli oli vegetali per cuocere) Alcune varietà di zucchine
Canola (olio di canola) Zucca (Crookneck)

 

Derivati comuni includono:

  • Sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio
  • Lecitina di soia

Altri comuni ingredienti dei quali potreste non sapere che sono geneticamente modificati:

  • Latte contenente rbGH (Recombinant Bovine Growth Hormone, ormone che aumenta la produzione di latte nelle mucche, n.d.t.)
  • Caglio (contenente enzimi geneticamente modificati) usato per i formaggi a pasta dura
  • Aspartame

Altre Informazioni

Fortunatamente, abbiamo il potere di cambiare questa tendenza orribile verso i cibi modificati geneticamente ma questo richiederà l’assoluta astensione da tutti i cibi GM, il che significa evitare i cibi processati che contengono ogni ingrediente o derivato della lista di cui sopra.

Necessiterà anche la ferma volontà di divulgare le informazioni, per educare gli altri circa i problemi dei cibi GM e del perché è necessario che spariscano dal mercato. E’ abbastanza chiaro che non possiamo vincere questa battaglia attraverso i legislatori ma potremmo ancora forzare la scomparsa di questi prodotti dagli scaffali dei negozi se un sufficiente numero di persone semplicemente rifiutasse di comprarli.

A livello individuale è possibile istruirsi sugli alimenti GM che sono prevalenti nel vostro supermercato in questo momento (principalmente negli Stati Uniti), praticamente tutti i prodotti alimentari trasformati contenenti ingredienti GM, se non sono certificati biologici, in modo da poter scegliere di non includere questi alimenti nella vostra dieta.

 

Traduzione ed integrazione di MP

Foto dal web

Fonte:  Scribd.com and Earth Open Source June 2011

Fonte:  Chemical Research in Toxicology 2010; 23(10):1586–1595

Fonte:  Ecological Society of America August 2005; 15(4): 1118–112

 

Copyright livelloalfa.com

2011