Il magnesio nel trattamento del lupus

24/06/2011

 

Secondo la letteratura medica tradizionale, il lupus è una delle molte patologie del sistema immunitario classificata come malattia autoimmune. Il sistema immunitario si suppone protegga il corpo dagli invasori, come batteri e virus pericolosi. Tuttavia, nel caso delle malattie autoimmuni, il sistema immunitario attacca in realtà le parti del corpo che dovrebbe proteggere.

La teoria è che quando il corpo si rivolta contro se stesso ed inizia a danneggiare le cellule e tessuti, questo porta a infiammazione. E così l'infiammazione che si vede associata al lupus è in realtà un sintomo della malattia stessa. Il lupus colpisce tutte le parti del corpo, compreso il cuore, i reni, le articolazioni, la cute, i polmoni, il cervello, i tendini ed i vasi sanguigni. I sintomi più comuni di lupus includono dolore estremo, infiammazioni, problemi renali, gonfiore delle articolazioni, febbre, aumento di peso ed eruzioni cutanee.

Il problema del lupus è che discrimina. Esso colpisce soprattutto le donne. Infatti, circa il novanta per cento di tutti i casi di lupus colpisce le donne sulla trentina.

Approcci alternativi per il trattamento del Lupus.

Mentre la medicina tradizionale definisce il lupus come malattia autoimmune, alcuni medici naturopati affermano che questa condizione è il risultato della "presenza di proteine anomale" e carenze di minerali. Inoltre, si ritiene che alcune persone che soffrono di lupus abbiano una reazione allergica ai prodotti contenenti glutine, soia, o latticini.

La medicina convenzionale offre poche speranze in termini di una cura per il lupus, i praticanti della guarigione naturale invece adottano un protocollo che coinvolge cambiamenti nella dieta e nella nutrizione. Alcune delle raccomandazioni principali sono:

  • evitare grassi "cattivi" e cibi fritti e consumare grassi buoni. Aumentare l'assunzione di Omega-3 e Omega-9 (riducendo i grassi Omega-6, che sono i grassi si trovano in una tipica dieta americana).

  • Integrare con vitamina D3 e L-carnitina. La L-carnitina è una sostanza presente nelle cellule viventi. E' richiesta per il trasporto degli acidi grassi nei mitocondri durante la ripartizione dei grassi per la generazione di energia metabolica. In altre parole, è responsabile della conversione dei grassi in energia nelle nostre cellule. La L-carnitina ha dimostrato profondi effetti benefici nel trattamento di malattie cardiache, diabete, malattie renali, infertilità maschile, riducendo la fatica e aumentando la massa muscolare.

  • Aumentare l'assunzione dei minerali selenio e magnesio. Il selenio è un potente antiossidante e aiuta le nostre cellule ad auto ripararsi. Il magnesio è il minerale "vitale", perché mantiene le nostre cellule vive e vibranti. Carenza di magnesio è stata notata in chi soffre di lupus, sindrome da fatica cronica e fibromialgia.

  • Consumare succhi vegetali. In particolare la spremitura di verdure verde scuro, che contengono potenti fito-nutrienti dei quali il corpo ha bisogno, ma mancano a causa della scarsità della tipica dieta.

  • L'aggiunta di supercibi come spirulina e clorella alla vostra dieta.

Se avete intenzione di combattere il lupus con metodi alternativi si ricorda che la costanza è la chiave. Avrete bisogno di cambiare il vostro stile di vita e la vostra alimentazione. Anche se i risultati possono essere stupefacenti, di solito ci vuole tempo per vedere questi grandi miglioramenti della salute e quindi occorre costanza e pazienza.

 

tratto da Dietsinreview

immagini dal web

Traduzione di MP





 

Copyright livelloalfa.com

2011